Cosa imparerai in questo articolo

In questo articolo imparerai a creare una landing page ad un alto tasso di conversione. Come vedrai, bastano pochi accorgimenti per fare una landing page che funzioni. Vediamoli insieme!

Tra l’altro, se te lo sei perso ti consiglio di andare a leggere prima questo articolo, in cui si parla di due concetti chiave da tenere a mente prima e durante la progettazione di una landing page.

Gli elementi principali della landing page

In questo articolo vedremo gli elementi principali di una landing page e come è opportuno organizzarli per ottenere un maggiore tasso di conversione degli utenti.

Come saprai l’obiettivo della landing page è la conversione degli utenti. Ma non esiste una formula magica per ottenere questo risultato. Esistono regole più o meno precise che devi seguire se vuoi raggiungere il tuo obiettivo, ovvero far compiere un’azione precisa agli utenti.

Quando pensi a come strutturare una landing page, l’unico tuo focus è: far sì che l’utente ti dia fiducia e clicchi sul pulsante. Tutto il resto è noia, o meglio: confusione.

Vedremo nel dettaglio questi elementi:

  1. Il design
  2. Il titolo
  3. La call to action
  4. Le informazioni da richiedere
  5. Immagini e video
  6. Il testo
  7. L’utilizzo delle recensioni
  8. I test
  9. L’analisi

 

1. Il design è fondamentale

Less is more. Un design semplice è più efficace di uno complesso.

Il design è importante non solo a livello di colori, font, struttura, ma di responsiveness. Se la tua pagina non si vede bene da cellulare, perdi potenziali clienti. Quindi, costruisci la tua landing page con tecnologia responsive e le possibilità di conversione aumenteranno.

Ps: lo sai che più della metà di traffico internet è generato da dispositivi mobili (smartphone e tablet)?

2. Il titolo deve essere coinvolgente e chiaro

Hai pochi secondi per impressionare l’utente: non è il momento di essere noiosi. Rispetta le promesse che i visitatori si aspettavano quando hanno cliccato sul link o sull’annuncio e sii chiaro. Non è facile, ma devi farlo. E ricordati quello che ti abbiamo detto in questo articolo.

Qui di seguito hai un esempio di una landing page con un titolo che è chiaro (sai esattamente a cosa ti serve il prodotto) e che esprime la USP (unique selling proposition) del prodotto che sta promuovendo. Il titolo contiene infatti (e dovrebbe contenere in ogni landing page) la caratteristica del prodotto che la distingue dai competitors, evidenzia un solo beneficio che ne rappresenta l’esclusività.

3.Una sola call to action

Sì, hai capito bene, una sola. Se il tuo goal è ottenere il contatto dell’utente (o l’acquisto di un servizio) nell’immediato, a che cosa serve che navighi anche sul tuo sito? Pensa se vedessi in una vetrina un invitantissimo panino alla mortadella. Non un semplice panino, il panino. Entri per vederlo meglio e prenderlo, ma il barista te lo nasconde mezzo agli spaghetti al sugo, alla carne alla brace e al fritto di pesce: potrebbero essere molto più invitanti, ma tu volevi quel panino.

La call to action deve essere bene evidenziata e in contrasto con il resto. Per l’utente deve essere tutto molto facile. Se non lo è, la landing page manca del suo unico obiettivo: la conversione.



4. Non chiedere informazioni che non servono

Sapere il nome del cane del tuo potenziale cliente non ti serve, a meno che tu non venda crocchette. Chiedi il minimo indispensabile, o lo infastidirai e sarà scettico a darti troppe informazioni. Ti dice qualcosa Cambridge Analytica?

5. Crea un legame con immagini e video

Fai un video in cui spieghi il prodotto, fai una foto al tuo team. Il visitatore deve sentirsi connesso a te e al tuo prodotto. Le foto devono essere belle, ad alta risoluzione e devono essere relazionate con il contenuto dei testi. Considera l’idea di girare un video: favorisce l’engagement e aumenta il tasso di conversione.

Perché i video sono un ottima tecnica di conversion rate optimization? Innanzitutto aumentano la durata media della visita. Questo permette di veicolare messaggi più efficaci e di creare fiducia verso il prodotto e l’azienda. In più conquisterai i pigri: ascoltare è sicuramente meno impegnativo di leggere le descrizioni.

6. Scrivi un testo chiaro

I contenuti della landing page devono essere chiari, semplici e leggibili. Descrivi in modo trasparente il tuo prodotto: tu lo conosci, ma l’utente no. Evidenzia i benefici concreti che l’utente otterrebbe con il tuo prodotto. E ricorda che la grammatica deve essere impeccabile.

7. Usa le recensioni dei tuoi clienti

Devi ispirare fiducia all’utente, e lo puoi fare anche mostrandogli cosa ha ottenuto una persona uguale a lui con il tuo prodotto.

Le testimonianze di chi ha già utilizzato il prodotto sono uno dei metodi più efficaci a disposizione dei marketers. Per questo è molto importante che siano inserite all’interno delle landing page.

8. Fai dei test

Metti in piedi degli A/B test, cambia alcune variabili delle pagine e vedi quelle che convertono di più. Testa colori, disposizione, headline, value proposition. Alla fine, tieni la landing page che ha un maggiore tasso di conversione.

Qui hai un esempio di due landing page con disposizione di titolo, testo, e call to action. Non c’è una versione migliore finchè non le provi. 

9. Analizza

Non esiste la struttura perfetta. Puoi commettere degli errori e puoi ottenere grandi successi.  Per capire se la struttura della nostra landing page funziona possiamo usare Google Analytics, grazie al quale possiamo analizzare i movimenti degli utenti sulla pagina: tipo:

  • quanto tempo un utente ha passato sulla nostra pagina
  • se ha cliccato e poi è uscito
  • quali pulsanti ha cliccato
  • fino a dove ha visto la landing page.

E finita l’analisi segna e ricorda le cose che hanno funzionato: parti da quelle e cerca di migliorare il resto.

Conclusioni

In questo articolo hai visto quali sono gli elementi principali e come devono essere organizzati per realizzare il tuo obiettivo: la conversione dell’utente! Ora tocca a te: è il momento di creare una landing page con un altissimo tasso di conversione!

Se questi consigli ti sono stati utili faccelo sapere in un commento!

Vuoi iscriverti alla newsletter di Digital Pills?

* campi obbligatori